img

Casa Palerm: ‘Tu chiamala, se vuoi…’ abitazione

/
/
/

Quando l’architettura si ingegna a ‘spezzare’ i confini e si fa landscape cosa accade?

Succede che gli spazi ‘vivibili’ di ultima generazione si disegnino così: mix di usbergo e libertà. Siamo nel cuore dell’isola di Maiorca, nei pressi della campagna di Lloret de Vistalegre, in una di quelle che potremmo definire ville vacanza, estensione naturale di un hotel rurale, appena adiacente. Invece Casa Palerm racconta di un progetto assai più complesso. I colori chiari delle mura e l’affascinante dehors incorniciato di verde rappresentano solo le primizie di un intendimento – paternità studio OHLAB – ambizioso e perfettamente in linea con l’idea di un abitare moderno, confortevole, di design.

Casa Palerm – Studio Ohlab

Un affaccio sul mondo, per quella che, con i presupposti di costruzione indipendente, si spalanca alla natura come fosse uno squarcio di pellicola. Le linee, espressamente orizzontali e il grande varco centrale che dal living svicola al di là delle mura indirizzano lo sguardo, proprio come quando, occhi allo Schermo, si assiste a qualcosa di altrimenti irriproponibile.

Il foro centrale, pensato nella zona giorno, apre sull’esterno, alla stregua di un maxi-schermo (2,66: 1), vestendo il porticato a sala cinema. Una programmazione h24, che proietta, a Nord, le montagne Tramontana e a Sud il sole caldo delle Baleari. Una disposizione, dal valore, tra l’altro, eco-progettuale: favorisce infatti le ventilazioni incrociate, l’illuminazione naturale e la termoregolazione della casa.

E se, adagiate sul pavimento, lingue di cemento fanno da avamposto alle terrazze, lungo l’intero perimetro dello spazio abitativo; adibito a soffitto c’è un pergolato di canniccio. Quel tanto che basta per filtrare la luce e proteggere dalla canicola. La terrazza a Nord funge da pedana, premessa della successiva piscina.

Casa Palerm – Studio Ohlab

Outdoor come indoor… all’interno, le stanze si susseguono l’una alla’tra, avvolte dal litemitiv di sfumature calde e tagli materici, perfettamente inseriti nel contesto. Legno e la paglia, per l’occasione, il corpo d’appartenenza e dettagli, dal contrassegno tradizionale: intonaci rustici, tegole in ceramica riutilizzate, pietra locale, cemento artigianale per i lavandini.

LEGGI ANCHE: Quei 50 metri quadri ad Ortigia, dove ogni movimento è scoperta

LEGGI ANCHE: 25 mq, per riassaporare… se stessi. Ecco il mini-louge pret-a-porter

1 Comments

  1. Pingback: NEWSITALIANE

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This div height required for enabling the sticky sidebar
Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views :