img

Make up & Hair style: come ci si muove nel 2021

/
/
/

In pieno mood anni ’30; ripercorrendo i ’70, ad effetto nature, oppure dal taglio geometrico. Le sfilate milanesi degli ultimi giorni hanno codificato i nuovi trend per la prossima stagione, sia per quanto riguarda i capelli, sia per quel che attiene al trucco. Ne risulta un potpourri di stili, tutti allineati su toni estremamente vivaci.

Missoni

Labbra mat o rosso acceso o, in alternativa, configurate da un velo di gloss. All’insegna del colore gli occhi, per uno sguardo irriverente e divertito. Ma vediamo meglio…

GLI HAIR LOOK

E’ Fendi a farsi notare per prima, con i roll creati ad arte dal designer Sam McKnight che, per la collezione, trae indirizzo dalle acconciature di inizio ‘900.

Fendi

L’ispirazione arriva da una foto vintage di Merle Oberon, ma vista attraverso lo sguardo di una donna moderna“, spiega lo stylist. Per la Maison, il make è invece minimal, eccettuate le labbra, dipinte del viola iconico della celebre Casa Di Moda.

Dal canto loro, Dolce&Gabbana si avvalgono del talento creativo di Guido Palau che, in team con GHD, percorre sentieri molteplici: “Per entrambi ho voluto un finish extra lucido. Il primo look era caratterizzato da onde morbide e luminose, in stile Yves Saint Laurent; mentre il secondo era un sofisticato chignon lucido, con scriminatura centrale“. That’s it.

E poi, largo agli scalati grafici e alle frange delineate, come decide di presentarle Prada, anche se, a recitare la parte del leone, sono i finish morbidi, come quelli proposti da Ports 1961 e Sportmax (ad effetto wet), e sottoscritti persino da Valentino. Dal movimento ‘solo apparentemente semplice’, le teste by Toni&Guy Italia. Una texture, in realtà, frutto della sofisticata tecnica di asciugatura che si cela alla base.

LE TENDENZE MAKE UP

Per quanto attiene al maquillage, incarnato radioso, labbra in primo piano e sguardo luminoso. Questo vuole la Milano Fashion Week. Tre focus perfettamente calibrati, in cui ci si modula, a seconda di come l’outfit totale richiede.

Per la bocca si spinge – lo accennavamo – sui rossi, senza rinunciare alle palette dei rosa, da bordeaux al più cupo obergine. Tinte, che si vanno ad accostare ad una base dichiaratamente chiara, dall’aspetto fresco, a contrasto con il resto del make up.

Così arriviamo agli occhi. Qui non c’è posto per le vie di mezzo. Le noince arancio, giallo vivo… fanno da contraltare ad ombretti glitterati – vera svolta dell’estate a venire – senza però eludere il nero, netto, a forgiare le palpebre, come ci insegnano gli stilisti…

LEGGI ANCHE: Sua Maestà Valentino regna ancora, sotto il nome di Pierpaolo Piccioli

LEGGI ANCHE: Gilet, gilet, gilet: quanti modi per dire sottogiacca…

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This div height required for enabling the sticky sidebar
Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views :