img

Insieme, per fornire una mano all’agricoltura

/
/
/

Una maratona fuori dal comune, composta dagli esperti dei diversi settori dell’informatica: sviluppatori di software, programmatori, grafici. Per chi non conoscesse il significato del termine hackathon è, dunque, presto detto. La manifestazione o, meglio, l’iniziativa ha preso il via a Bologna, il mese scorso, in una due giorni (22 e 23 giugno), tesa a stimolare l’ideazione e la realizzazione di soluzioni tecnologiche, da applicare a sistemi di contrasto e prevenzione degli effetti del cambiamento climatico, in agricoltura.

ADAthon – Idee innovative per la resilienza in agricoltura, questo il titolo dell’evento, tra le attività del progetto europeo Life Ada – ADaptation in Agriculture, che ha visto, tra le interpreti di rilievo, anche la Regione Emilia-Romagna.

Un progetto, rivolto a tre profili specifici:

  • UX/UI designer laureandi o neolaureati
  • Software developer, con competenze di gestione dati geo-spaziali, mappe e rilevazioni sensoristiche
  • Esperti di settore per le filiere: vitivinicola, casearia e ortofrutticola, sia professionisti con solide competenze tecniche e gestionali, sia neolaureati o laureandi in Agraria o discipline affini, con un livello medio-alto di digitalizzazione e acuta sensibilità a prodotti e servizi digitali

24 ore, il tempo necessario ai gruppi di lavoro, per contribuire, attraverso le rispettive idee, nell’aiuto ai player dei settori ortofrutticolo, vitivinicolo e caseario. Un modo, lo si accennava, per fronteggiare, attraverso la tecnologia, gli effetti derivanti dal cambiamento climatico e, semmai, prevenirli.

Ebbene, alea iacta est. A conquistarsi il podio, ADAfield, supporto all’adozione della tecnica dell’agroforestazione, per migliorare la resa delle coltivazioni. A ruota, ERPICE, bot che facilita la valutazione e la prevenzione del rischio. Fanalino di coda – si fa per dire – CLEVERFarm, app che fornisce consigli agronomici, di irrigazione ed energetici.

Un risultato che lascia ben sperare e spalanca le porte, pure, ad un operazione di squadra, da ripetersi. Promotori dell’incontro, un team di tutto rispetto: da Leithà | Unipol Group, con il supporto di UnipolSai a CREA – Ricerca, Cia – Agricoltori Italiani, Legacoop Agroalimentare Nord Italia, Regione Emilia-Romagna, Agricoltura, caccia e pesca, Festambiente, Legambiente.

Una équipe nutrita, per un risultato che non racconta solo di aspirazioni, ma ingloba in sé il marchio della concretezza.

LEGGI ANCHE: Quel piano a salvaguardia della Terra… e di chi la lavora, ogni giorno

LEGGI ANCHE: Sostenibilità: quella parolina che, una volta compresa, recita di avanguardia

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This div height required for enabling the sticky sidebar
Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views :