img

Ma che fico… questo risotto

/
/
/

Un ricetta evidentemente semplice, la cui buona riuscita dipende, soprattutto, dalla varietà e dal sapore dei fichi scelti. Bianchi o neri, a buccia rossa o verdesettembrinicallara dattero, le qualità, presso le coltivazioni della Penisola, sono moltissime e, ognuna, ricca di nutritivi. Caratterizzata, per di più, da differenti gusti e consistenze. 

Per l’occasione, si è scelto di adoperare fichi freschi. Esiste, tuttavia, la variante a base di fichi secchi, spesso abbinati alle noci. Una preparazione per lo più invernale, fatta, secondo tradizione, utilizzando gli avanzi dei pranzi delle Feste. Da integrare, stando alla fantasia e al piacere personale, con ingredienti dal sapore intenso, come gorgonzola burrata. Un modo, per personalizzare ulteriormente il primo piatto in questione.

Per la realizzazione, è necessario preparare, in anticipo, un brodo vegetale, per il quale vanno calcolate almeno 2 ore di tempo.

Un piatto sano, oltre che saporito, adatto, nelle sue diverse riletture, un po’ a tutte le stagioni. Si consiglia, tuttavia, di usufruirne nel periodo in cui i fichi sono disponibili, per meglio goderne le peculiarità.

RISOTTO AI FICHI


INGREDIENTI:

  • 14 fichi neri e maturi
  • 320 gr di riso Arborio
  • 10 gr di cipolla bianca
  • 50 ml di vino bianco
  • 60 gr di burro
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • brodo vegetale
  • sale

PREPARAZIONE:

Preparate, innanzi tutto, il soffritto. Pulite la cipolla, tritatela finemente e rosolatela nel burro e olio, in una casseruola. Una volta appassita, aggiungete il riso e fate tostare, per qualche minuto. Versate il vino bianco e lasciate evaporare.

Tagliate i fichi in quattro parti e aggiungetene la metà nel riso. Unite, quindi, un mestolo di brodo vegetale e continuate la cottura, versandolo poco alla volta. A circa metà cottura, unite al risotto i fichi restanti.

Mantecate con 10 grammi di burro, aggiustate di sale, se necessario, e servite il vostro risotto ai fichi, guarnendo ogni piatto con un fico aperto a fiore o tagliato a fettine.

LEGGI ANCHE: Quanto sei… fico. Ricette dolci e saltate con uno tra i frutti più allettanti dell’estate

LEGGI ANCHE: Tastasàl: quel vecchio salvadanaio delle massaie di una volta

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This div height required for enabling the sticky sidebar
Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views :