img

Happy, ma è un’esplosione di… tristezza

/
/
/

Si chiama Happy, ma motivi per ritenersi felice ne ha davvero pochi. Di certo, non lo sono gli animalisti del Nonhuman Rights Project, organizzazione che, negli anni più recenti, si è battuta in tribunale, per far riconoscere alla 50enne femmina di elefante lo status di persona ed ottenerne, in suo favore, la liberazione dallo zoo del Bronx. Il pachiderma vive lì, rinchiuso, dal 1977.

Una storia senza dubbio surreale…

L’associazione aveva – a suo tempo – invocato l’habeas corpus, affinché all’animale fosse riconosciuto ed applicato il diritto all’inviolabilità personale. Lo stesso, in pratica, che protegge dalle incarcerazioni ingiuste.

Ebbene, in seguito ad una sequela via l’altra di schermaglie legali, la Corte d’Appello di New York ha deciso – a maggioranza – che, pur rientrando Happy tra gli “esseri intelligenti che meritano cura e compassione“, non può – tuttavia – essere considerata alla stregua di un individuo. Per conseguenza, dunque, non è da reputarsi incarcerata illegalmente.

Emettendo la sentenza, la Corte ne ha convalidato una, preesistente, che respingeva la volontà di trasferire l’elefante in un’oasi faunistica, in cui potersi muovere liberamente, a dispetto della condizione sussistente.

Non è la prima volta…

Nonhuman e’ una non-profit che si batte, finora senza successo, per il riconoscimento come persone legali, in favore di diverse specie animali, tra cui – appunto – elefanti e scimpanzé. Nel caso in questione, ad avere la meglio sarebbe stata la versione secondo cui il “magnifico esemplare” sarebbe oggetto di svariate e continue cure.

Nata in libertà e battezzata con il nome appartenente ad uno tra i famosi nani di Biancaneve – in italiano, Gongolo – Happy viene trattata con compassione, riceve affetto e si interfaccia con chi ne provvede al sostentamento. Secondo quanto sostiene lo stesso organizzatore: “Allo Zoo del Bronx pensiamo a quel che è meglio per Happy. Non in termini generici, ma come un individuo con una personalità, unica e distinta“.

LEGGI ANCHE: Ivan, il gorilla che sapeva dipingere

LEGGI LE ALTRE NEWS NELLA SEZIONE ANIMALI

This div height required for enabling the sticky sidebar
Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views :